CONDIVIDI
Content Marketing: a che livello sei?
A che punto è la tua strategia di content marketing? Come definiresti il tuo grado di maturità come content marketer?
Sappiamo tutti, dall'infinita quantità di studi disponibili (soprattutto, ahimè, relativi ai mercati statunitensi e canadesi) che le più grandi sfide di ogni struttura dedicata al content marketing riguardano l'aspetto della pianificazione strategica e quello della creazione di contenuti di qualità.
Evidentemente, quest'ultimo aspetto è strettamente legato tanto alla capacità di storytelling aziendale e di comprendere correttamente i bisogni espressi dai propri clienti, quanto alla capacità di utilizzare in modo creativo i contenuti disponibili al fine di produrne di nuovi; l'aspetto della pianificazione strategica riguarda invece la creazione di un calendario editoriale e, più sostanzialmente, la presenza di una vision a livello aziendale sullo scopo ultimo per cui si porta avanti una attività complessa e articolata come quella di content marketing.
Allo stadio finale della strategia c'è invece, perpendicolare, per così dire, alla fase di pianificazione, quella di controllo e di misurazione, che definisce obiettivi e futuri aggiustamenti dell'attività sulla base dell'attività in essere.

I quattro livelli del content marketing

Che queste diverse competenze e capacità organizzative costituiscano altrettanti livelli di un'attività informata di content marketing è intuibile. Nessuno, però, ha mai pensato di formalizzare questa realtà definendo dei veri e propri livelli di avanzamento del proprio grado di maturazione come content marketer e partendo da essi per suggerire gli ulteriori sviluppi.
Nessuno, quantomeno, tranne Oracle, che prova a formalizzare, appunto, la presenza di questi livelli e prova anche a suggerire quali passi intraprendere per passare di grado e andare al livello successivo. Il tutto, in una splendida infografica riportata alla fine di questo articolo.

Livello 1

Il livello 1 è l'entry level, per così dire, e si definisce a partire dalla capacità del content marketer (o aspirante tale, a questo punto) di produrre in modo coerente e continuativo contenuti lungo i diversi canali di content creation e content distribution.
Chi alla domanda:
«Crei e gestisci i tuoi contenuti attraverso i diversi canali?»
dovesse rispondere negativamente, si troverebbe appunto a questo livello base, dove c'è ancora tutto da fare. Il consiglio del team di Oracle, a questo proposito, è chiaro: fatti aiutare da un content marketing strategist per capire di quali contenuti ha bisogno.

Livello 2

Se sei al livello 2, vuol dire che produci contenuti con continuità e con coerenza. Li produci... ma non li pianifichi, e gestisci il tuo blog aziendale come se fosse un blog personale.
Insomma, ti manca una strategia documentata che metta in rilievo obiettivi e strumenti di un content marketing legato strettamente alla tua azienda e al percorso di conversione che dovrebbe avere nel content marketing un asset fondamentale.
Chi non pianifica, gestisce in modo strategico e diversifica i contenuti, normalmente si trova in questa situazione per un motivo: non ha risorse dedicate all'attività di content marketing.
Qual è il primo passo per passare di grado? Sicuramente, quello di definire la tua strategia a partire dalla descrizione della tua marketing persona, dal destinatario ideale (dai destinatari ideali) della tua attività. Da lì, potrai passare a descrivere il funnel di conversione e, su questa base, stabilire il tuo piano editoriale.

Livello 3

Il content marketer di livello 3 ha le idee chiare sulla strategia e anche sul suo piano editoriale, documenta gli asset della sua attività e sa dove sta andando.
Solo, non è ancora al livello di una raffinatezza tale nella sua attività da riuscire a massimizzare i suoi risultati. Il nostro content marketer di livello 3, insomma, dovrebbe imparare a utilizzare il miglior bilanciamento delle diverse tipologie disponibili di contenuto ed a creare proattivamente contenuti che siano progettati per un uso integrato su più canali.
Soprattutto, però, deve imparare come misurare i risultati per comprendere se i contenuti che produce siano o meno in sintonia con la propria target audience.

Livello 4

Di tutte queste cose non ha bisogno il content marketer di livello 4: un content marketer di esperienza, che è in perfetta sintonia con il suo pubblico, che riesce a massimizzare i profitti derivati dal suo funnel di vendita e a comprendere in anticipo, grazie ai dati a sua disposizione, come dovrà essere il suo prossimo contenuto per ottenere il massimo di risultato.

E tu, a che livello sei?

CIAO! Grazie per essere arrivato a leggere fino a qui.

Porto avanti questo blog solo per passione, senza voler fare altro se non avviare un confronto con chi condivide con me l'interesse per tutto ciò che è marketing. Se ti è piaciuto questo post, la soddisfazione più grande che potrai darmi sarà quella di condividerlo sui social media e di lasciare un tuo commento.

Se poi vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti subito alla newsletter!

Inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:

Delivered by FeedBurner

5 COMMENTS

  1. Buongiorno Fabio, un’idea davvero interessante mi metto subito all’opera, visto che mi trovo ad occhio e croce al livello -1

LEAVE A REPLY