CONDIVIDI
5 blogging tool gratuiti (più uno) per migliorare la produttività del tuo blog

In questo blog ti parlo raramente di strumenti e tool per la produttività dei blog aziendali. Non lo faccio, principalmente perché ritengo che ognuno di noi abbia un diverso modo di lavorare e una diversa organizzazione mentale, e naturalmente tutto ciò si riflette immediatamente nella gestione del lavoro quotidiano e della pianificazione.
E' anche vero, d'altro canto, che ci sono alcuni strumenti che si rivelano oggettivamente utili ai più, per questo consigliarne l'uso - laddove, naturalmente, io per primo li uso con profitto - non mi pare quindi sbagliato.
In questo articolo ti parlerò allora di 6 strumenti (5 dei quali gratuiti, e uno in abbonamento mensile) che mi sono stati personalmente utili a diventare un blogger più efficiente e, nei limiti del mio piccolo orticello di lettori - più efficace.

Evernote

Iniziamo questa carrellata con Evernote, ossia con quello che per me, personalmente, è il più utile tra i blogging tool.

Di Evernote, in realtà, mi è già capitato di parlare di recente, in un articolo dedicato proprio ai benefici che questo peculiare - e per me utilissimo, se non indispensabile - strumento di produttività è in grado di apportare nella pratica del copyblogging.

evernote strumenti gratuiti copyblogging Perché utilizzare Evernote per il copyblogging? Anzitutto, perché è un ottimo word processor di base. Se scrivi per un blog, sai bene che la tua esigenza è soprattutto quella della semplicità. Per il blogging non servono intestazioni, o note a piè di pagina: tutto ciò che riguarda il layout e la formattazione del testo viene infatti gestita a livello di codice dal CMS che utilizzi per pubblicare i tuoi articoli. Evernote ha, da questo punto di vista, tutte le potenzialità per poter affrontare una scrittura elaborata da trasportarsi successivamente sul web. In più, ha il grandissimo beneficio della cloud. In sostanza, ciò che scrivi su Evernote in qualsiasi dispositivo lo ritroverai, sempre aggiornato, su tutti gli altri device a tua disposizione, e anche direttamente su web, mediante un'interfaccia web-based assolutamente intuitiva e semplice da utilizzare.

Ma se i benefici si fermassero qui, Evernote non sarebbe da consigliare rispetto ad altri strumenti simili, a partire da Google Drive. Il grande apporto aggiuntivo che questo strumento fornisce al blogger è nella sua capacità di archiviare e rendere disponibili le fonti che intendiamo utilizzare in taccuini virtuali in cui possiamo mettere di tutto: dagli articoli che stiamo scrivendo, a pagine web (scaricabili direttamente mediante apposite estensioni dei principali browser), immagini, video e altri file multimediali. In sostanza, quando mi trovo a lavorare su un articolo posso disporre immediatamente di tutte le fonti che mi occorrono, e posso accedervi da qualunque dispositivo.

Coschedule

Se Evernote è il mio miglior amico per la fase di scrittura, Coschedule lo è senza dubbio per la fase di pianificazione e di gestione del piano editoriale.
coschedule Coschedule è una un blogging tool che fa esattamente questo: ti consente di gestire in modo grafico (con modalità drag-and-drop) il piano editoriale, con tutti gli articoli usciti, in bozza e in pianificazione nel tuo blog, e ti consente anche di associare ad ogni articolo una serie di post (testuali, image post e link post) sui principali social network.
Con Coschedule, inoltre, è possibile gestire anche un intero team di lavoro, mediante le sue funzioni di task management che consentono di assegnare ad ogni membro di un team un compito specifico, come l'assegnazione di una feature image a un determinato post o la revisione finale prima della pubblicazione. Un tool completo, quindi, che associa alle funzioni di Content Management quelle di Task Management e di Content Distribution - il tutto sia in modalità stand-alone (attraverso una web app specifica), sia come plugin di WordPress.
Unico neo di Coschedule? È l'unico, tra i tool che ti presento qui, a non essere gratuito o freemium. Però credimi: ne vale la pena.

corso seo per wordpress

Canva

Sempre parlando di migliori amici, Canva sta progressivamente sostituendo Photoshop come strumento più affidabile e facilmente gestibile per la modifica delle immagini mediante, soprattutto, l'apposizione di etichette e decorazioni testuali. Con Canva, ad esempio, è stata realizzata l'immagine che illustra questo articolo.
Su Canva, escono continuamente ottimi articoli che ne spiegano modalità d'uso e specificità. Non mi dilungo oltre, allora, e ti rimando direttamente a quelle letture per ogni approfondimento.

Search Console (ex Google Webmaster Tools)

Può mancare Big G nell'arsenale del perfetto blogger? La Search Console, ovvero Google Webmaster Tools è una raccolta di strumenti straordinari per farti capire se il tuo sito web presenta dei problemi di qualsiasi natura. Tra gli strumenti, oltre a quello relativo alle query di ricerca - a proposito delle quali ti rimando a questo mio post - Google ci mette a disposizione un analizzatore della sitemap, utile per riscontrare per tempo qualsiasi problema di indicizzazione del nostro blog, un marcatore della lingua (per questo blog, ad esempio, ho dovuto spiegare a Google che volevo che i risultati fossero presentati preferibilmente sulla versione italiana del motore di ricerca, perché di per sé il .com favorisce una indicizzazione in lingua inglese), un log degli errori http, un elenco delle pagine che utilizzano backlinks verso il nostro blog, un analizzatore per verificare errori nei markup.

Hai davvero bisogno d'altro?

WordPress SEO by Yoast

Se non lo hai ancora installato, è ora di farlo. Seo Yoast è un plugin di WordPress che svolge un compito molto semplice: facilitare la marcatura dei post con dei tag utili per facilitare la SEO, e gestire i rapporti con Google e gli altri motori di ricerca attraverso le sitemap.
wordpress-seo-yoast Questo, in sostanza, il suo scopo fondamentale.
SEO Yoast, però, non si ferma qui, e ci dà una mano anche a capire se abbiamo dimenticato qualcosa nella gestione SEO del nostro post (ad esempio, se non abbiamo taggato correttamente le immagini, o se non abbiamo mai utilizzato la nostra focus keyword all'interno di un tag <h2>). Mi sono reso conto che, da quando ho installato SEO Yoast, il mio rapporto con la SEO è cambiato, ed ho iniziato ad acquisire maggiore consapevolezza degli strumenti che mi consentivano una migliore indicizzazione dei miei articoli. Per questo, se non lo hai mai utilizzato, ti consiglio di provare a dargli un'occhiata.

Keywordtool.io

Sempre parlando di SEO, ma stavolta in riferimento al keyword mapping ti consiglio di provare keywordtool.io.
A che serve keywordtool.io? Sostanzialmente, ad individuare tutte le keyword secondarie associate ad una keyword principale - quella, per intenderci, per cui stai scrivendo il tuo articolo. La magia per cui può avvenire questo si chiama Suggerimenti di Google, e corrisponde all'insieme di keyword che Google ci mette a disposizione quando iniziamo a compilare una ricerca (o quando, sotto alla prima pagina dei risultati, troviamo le ricerche correlate). Keywordtool.io è uno strumento fondamentale per capire l'universo semantico associato ad ogni keyword. Sta a noi, poi, separare il grano dal loglio e capire quali keyword secondarie utilizzare e, soprattutto, in quale modo utilizzarle al meglio.

Blogging tool: strumenti sempre più necessari

Un blog è una vera sanguisuga, quando si tratta del tempo di ognuno di noi. Tenere uno o più blog (personali o aziendali non importa) vuol dire spendere una quantità infinita di tempo a leggere, informarsi, provare nuovi strumenti e nuove forme di comunicazione, verificare le fonti, pianificare i contenuti, gestire le fasi di Content Distribution. Per quanto possa sembrare pazzesco, spesso scrivere è l'attività paradossalmente più "semplice" per un blogger, a confronto con tutte quelle altre attività. Attraverso strumenti come quelli che ti ho presentato qui, il lavoro complementare a quello di blogging si può di molto snellire, lasciando più spazio quindi all'aggiornamento, all'analisi delle fonti, alla compilazione degli articoli.
Insomma, a quello che ad ogni blogger piace più fare: scrivere, e provare a scrivere bene.

CIAO! Grazie per essere arrivato a leggere fino a qui.

Porto avanti questo blog solo per passione, senza voler fare altro se non avviare un confronto con chi condivide con me l'interesse per tutto ciò che è marketing. Se ti è piaciuto questo post, la soddisfazione più grande che potrai darmi sarà quella di condividerlo sui social media e di lasciare un tuo commento.

Se poi vuoi rimanere sempre aggiornato, iscriviti subito alla newsletter!

Inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:

Delivered by FeedBurner

1 COMMENT

LEAVE A REPLY